Alimentazione

Frutta esotica: il maqui

Scritto da Francesca Scazzina il Commenti (0)

Cominciamo con oggi a parlare di "frutta e verdura dei paesi lontani". Cose esotiche, qualcuno direbbe.

Nessuno di voi ha mai sentito parlare del maqui? È un piccolo frutto di origine cilena, scuro e dall'aspetto simile ad un mirtillo o ad un ribes nero, e di quest'ultimo condivide in parte anche il sapore. Non è praticamente coltivato, ma cresce selvatico in alcune zone del Cile, ai piedi delle Ande, venendo raccolto durante l'estate australe dal popolo locale, i Mapuche.

Ormai, come per tutti gli altri frutti strani ed esotici che incontreremo, è possibile trovarlo anche dalle nostre parti, magari essiccato.

La voglia di "superfrutti", però, ha trasformato il maqui in un'infinità di succhi e bevande a cui sono attribuite proprietà preventive e terapeutiche incredibili. Come spesso (sempre?) accade, questi pubblicizzati benefici non corrispondono alla realtà e non sono basati su evidenza scientifica.

Tuttavia, il maqui resta un frutto ricco di antocianine (gli stessi composti dell'uva, del vino rosso e dei frutti di bosco) con cui fare, come per il ribes nero, ottime marmellate.

Frutta esotica: il maqui

Photo Credits: Dick Culbert

COMMENTI (0)

Non ci sono commenti per questo articolo

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.