Alimentazione

Consigli per una dieta meno salata

Scritto da Francesca Scazzina il Commenti (1)

Abbiamo già parlato del sale e del fatto che faccia male in questo articolo.

Sappiamo che mangiarne troppo può portare a problemi di ipertensione e problemi cardio-vascolari, ma sappiamo quanto ne mangiamo?

Un recente studio*, condotto su circa 7.000 persone tra i 18 e i 65 anni, provenienti da 8 paesi, ha concluso che purtroppo noi sottostimiamo di gran lunga la quantità di sale che realmente mangiamo perché non siamo in grado di renderci conto di quanto ne aggiungiamo volontariamente (con il salino, con le salse) e di quanto è contenuto negli alimenti, soprattutto quelli pronti o semi-pronti.

Per aumentare la consapevolezza  eridurre il rischio di problemi, dobbiamo essere più attenti:
1) leggiamo le etichette nutrizionali dei prodotti
2) cerchiamo di ridurre pian piano la quantità di sale per abituarci al sapore, come spiegato in questo articolo

In Gran Bretagna, per aiutare i consumatori, usano i colori verde, arancione e rosso per indicare un contenuto basso, medio o alto di sale... credo sia utile!

*Newson R.S, Elmadfa I, Biro Gy, etal. Barriers for progress in salt reduction in the general population. An international study. 2013 Appetite 23:71C:22-31.

Consigli per una dieta meno salata

Photo Credits: HealthGauge

COMMENTI (1)

Rita.Franca
Mag. 9, 2014, ore 22:27

Penso sia davvero utile distinguere con i diversi colori il contenuto di sale dei cibi soprattutto i pronti

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.