Alimentazione

Frittura: quali grassi utilizzare?

Scritto da Francesca Scazzina il in Carnevale e feste Commenti (4)

La frittura è un tipo di cottura in cui il cibo viene immerso in olio o altri grassi a temperatura elevata. 

Il fatto che gli alimenti vengano immersi in grassi (assorbendone una parte) e che le alte temperature alterino la struttura molecolare dei grassi (producendo dei residui tossici per il nostro organismo) rende questa preparazione nutrizionalmente sconsigliata.

Tuttavia ci sono 'trucchi' per limitare i danni:

- Per prima cosa, il fritto deve assorbire poco grasso, questo è reso possibile mantenendo temperature elevate (150-180 °C). 
- Inoltre, il fritto deve essere dorato ma non bruciacchiato, per evitare la formazione di composti potenzialmente dannosi per l'organismo (acroleina e acrilammide).
- Infine, la presenza o assenza ed il tipo di pastella incidono sulle calorie finali.

Gli oli più adatti per friggere sono quello extravergine di oliva e di arachidi, perché sopportano meglio le alte temperature, non contengono colesterolo e sono poveri di acidi grassi saturi. Il burro, invece, è poco adatto alla preparazione di pietanze fritte perché gli acidi grassi che lo costituiscono hanno un basso punto di fusione (non sopportano alte temperature).

Fritto

Photo Credits: avlxyz

COMMENTI (4)

[email protected]
Feb. 3, 2013, ore 16:17

SI......l'olio più adatto per friggere è l'extra vergine di oliva .....

Franca C
Feb. 3, 2013, ore 20:07

Concordo anche io!!!!se poi è olio di produzione propria non ha eguali

Robertofix
Ott. 31, 2013, ore 14:11

olio burro strutto e altri grassi eliminati completamente...

Franca C
Mar. 23, 2014, ore 15:13

@Robertofix: E' sbagliato eliminare del tutto i grassi dalla dieta...anche i grassi hanno il loro valore!

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.