Attività sportiva e impegni pomeridiani

Come sono messe le vostre settimane scolastiche? In giro come una trottola tra scuola, palestra, piscina e lezioni di musica e inglese? Oppure pomeriggi totalmente liberi da riempire secondo l’ispirazione del momento?

I miei bambini sono ancora piccoli e solo Momo, che quest’anno ha cinque anni, farà dello sport. Ha chiesto di giocare a basket come il suo migliore amico e quindi l’abbiamo iscritto e proprio oggi c’è la sua prima lezione.

Lui è molto emozionato, aveva già fatto una prova l’anno scorso e qualche settimana fa siamo andati in palestra per completare l’iscrizione quindi è da un po’ che monta il suo desiderio di intraprendere questo sport. È anche vero che l’anno scorso si è ripetuta più o meno questa sequenza, ma per la ginnastica artistica che poi non ha portato a termine anche per mia scarsa insistenza. Il problema grosso è stato la gestione della stanchezza di Momo.

Lo prendevo da scuola intorno alle 15,30, faceva merenda con me al parco (perché tornare a casa era impossibile) e poi lo accompagnavo in palestra per le 17,00. Se Dado era con noi avevo un’oretta da trascorrere nei pressi della palestra con il piccolo, altrimenti potevo rilassarmi (?) fino alle 18,00 quando Momo usciva stravolto da quest’ora di ginnastica: aveva fame, sete, sonno, tutto insieme e non voleva cambiarsi, lavarsi, mangiare, camminare, entrare in auto, parlare. Insomma spesso non riuscivo a tornare a casa prima delle 19,00 quando ero totalmente annichilita dalle torture psicologiche del caso. In genere andava a finire a sgridate, urla e capricci. Non parliamo di quando Dado era con noi: tutto lo stress era moltiplicato dal fatto che il piccolo voleva andare a fare ginnastica insieme al fratello e non sempre era facile intrattenerlo un’ora tra il bar e la palestra, senza contare che il nervosismo di Momo all’uscita era contagioso e la stanchezza accumulata dava la botta finale per un rientro coi fuochi d’artificio. Alle prime resistenze di Momo ad andare in palestra ho colto la palla al balzo e ho smesso di portarcelo. Mi sembrava assurdo fare tutta quella fatica per qualcosa che non sembrava dare alcun frutto positivo.

Quest’anno quindi ci riproviamo, in punta di piedi... vediamo come va.

Voi come vi comportate per le attività pomeridiane? A quanti anni i vostri bambini hanno iniziato a fare sport e ad avere impegni dopo la scuola?

 

Photo Credits: jc.winkler

ARGOMENTI TRATTATI

Educare i figli

Vedi anche

COMMENTI (0)

Non ci sono commenti per questo articolo

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.