Piccolini Story Logo

i video della scorsa edizione

Saldi, saldi, saldi!

Parlando di acquisti per bambini, credo di poter dire con certezza che l'euforia sia il sentimento comune a molte mamme. Vorremmo comprare qualsiasi cosa: dagli accessori - spesso divertentissimi - ai capi per tutti i giorni. I colori, le fantasie, il numero ormai sempre più alto di tipologie di prodotto per bambini ci stuzzicano. Tanto che a volte (e anche io ci sono cascata!) si acquista anche per l'anno successivo... ma la crescita dei nostri bambini non è sempre regolare e si rischia di non poter sfruttare un acquisto fatto.

Per evitare errori e/o spese folli, durante i saldi seguo un paio di regole, che vorrei suggerirvi:

1) Acquisto capi che possono essere indossati anche nei mesi successivi al periodo dei saldi.Sia in inverno che in estate è facilissimo trovare pezzi basici (e materiali leggeri anche in inverno): pantaloni in cotone, camicie, t-shirt, abiti smanicati o con la mezza manica, che sovrapposti e accostati ad altri capi, si trasformano in capi portabilissimi fino alla stagione successiva.

Una salopette di jeans per esempio, si indossa in pieno inverno con una camicia o una t-shirt a maniche lunghe e un golfino/cardigan. Man mano che il caldo si avvicina lo stesso capo si può portare solo con la t-shirt, che diventa a mezze maniche a fine primavera.

Allo stesso modo, durante i saldi estivi, si può acquistare questo articolo per farlo indossare fino ad autunno inoltrato, aggiungendo di volta in volta gli "strati" necessari.

Durante i saldi invernali si deve avere cura di non selezionare un cotone/jeans foderato.

Durante i saldi estivi, invece, per avere un capo sfruttabile ancora per settimane, è meglio non scegliere un materiale ultra-leggero.

Lo stesso vale per un vestitino in cotone. Gli ambienti in cui viviamo e che frequentiamo sono sempre più riscaldati e, a meno che non si esca per una passeggiata in pieno inverno (per la quale è decisamente più indicato un abito in lana) un abito in cotone con le mezze maniche è portabilissimo per tutta la stagione. E, spogliandolo dei vari strati necessari in inverno (come una t-shirt portata sotto o un golfino da mettere sopra), questo capo diventa decisamente estivo.

In questo modo, con una spesa ridotta, avete dei capi portabili per mesi.

2) Scelgo un capo (o più) davvero particolare, tenendo sempre a mente la prima regola.Mi capita di trovare dei pezzi che mi colpiscono durante un normale giro per negozi ma, magari, li ritengo meno "utili" rispetto ad altri. Un esempio può essere un cappottino in fantasia per l'inverno (meno abbinabile rispetto a uno in tinta unita in un colore basico) o un impermeabile per la primavera/estate (sfruttabile pochi giorni l'anno).

Sono capi divertenti, ma non indossabili quotidianamente. Per questo attendo i saldi per acquistarli: spendo meno e posso utilizzarli nel periodo che segue, quasi fino alla stagione successiva.

Parlando di acquisti per mamme, invece, il discorso cambia.

Perché entra in gioco il fattore evergreen. Ogni anno io scelgo un capo che possiamo definire "intramontabile", basico, classico... insomma, qualcosa che andrà sempre di moda e lo acquisto a un prezzo più basso durante i saldi.

Degli esempi possono essere: un cappottino basico nero (o beige o grigio), un pantalone dal taglio classico, una maglia in un colore neutro (o blu, nera...), un abito dalla linea semplice (un tubino, ad esempio).

Ma... visto che il bello dei saldi è il potersi concedere qualche extra, anche noi mamme possiamo spaziare e, oltre a un articolo classico, possiamo regalarci capi più particolari e divertenti: la gonna che non si osa acquistare durante l' anno perché si sa già che verrà indossata solo per una sera, tanto per fare un esempio.

O, a contrasto con i capi classici, un cappottino in un colore originale (o in fantasia), un pantalone da sera, un abito elegante o di un colore insolito.

Nonostante i saldi sembrino non avere risvolti negativi (tranne che per i nostri portafogli!), è importante prestare attenzione alla qualità degli articoli in saldo. Ecco quindi qualche link che suggerisce come verificare che i capi che trovate in saldo siano effettivamente validi e che non ci siano irregolarità nella vendita:

Consigli utili 
Consigli consumatori 

Se avete voglia di approfondire ulteriormente, vi propongo uno studio molto interessante sulla “psicologia d’acquisto” durante il periodo dei saldi.

Psicologia dei saldi

Buonissimo shopping a tutti, allora!
Aspetto di sapere da voi com’è andata (e quanto vi siete sbizzarriti!).

Vedi anche

COMMENTI (0)

Non ci sono commenti per questo articolo

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.