Gestire le ore calde al mare con i bambini

Sono una mamma full time, durante le vacanze. Lavorando da casa sono mamma full time anche il resto dell'anno se ci sono emergenze, a dire il vero, ma in particolare d'estate quando le scuole chiudono, le baby sitter vanno in ferie e i nonni partono perle loro (meritate) vacanze, io sono qui a montare servizio al mattino e non smontare praticamente mai.

Per me tutto funziona se posso contare su piccoli, ma imprescindibili, momenti di decompressione. In genere sono i momenti in cui i bambini dormono, ma perché io riprenda davvero fiato devono dormire contemporaneamente. E questo può rappresentare l'unico scoglio.

Ma sono una mamma fan della routine, ormai credo lo sappiate. E ho constatato che l'organizzazione vince su ogni diavoleria che le menti di piccole pesti possano generare. La routine vince.

Certo l'organizzazione costa fatica, però se le cose vanno a rotoli durante la giornata e i capricci si susseguono e non si può contare neppure su mezz'ora di pace... be', la fatica vince.

Quando siamo al mare si aggiunge il problema di dover far coincidere il riposino pomeridiano con le ore calde, in maniera che parte del pomeriggio di coprifuoco passi indolore.

Gestire le ore calde al mare con i bambini

Per me è fondamentale allora avere una giornata abbastanza routinaria, in cui gioco, pasti e quindi sonno, siano sempre ben scanditi.

La mattina la sveglia suona naturalmente presto, i miei bimbi sono allodole e non ci posso fare niente. Dopo una colazione nutriente, tutti al mare fino alle undici al massimo, quando il sole diventa troppo forte. Noi lo salutiamo e torniamo a casa dove prepariamo un pranzo leggero che consumiamo intorno a mezzogiorno. Va da sé che il caldo e la pancia piena concilino il sonno e in genere riusciamo senza troppa fatica a fare il riposino pomeridiano che dura un paio d'ore.

A quel punto io mi sono ricaricata e i bimbi rasserenati e un pochino più disposti a "collaborare". Sono circa le tre quando il pomeriggio è ancora troppo caldo per stare fuori sotto il sole, ma i bimbi sono troppo svegli e arzilli per tenerli alle briglie.

E allora bisogna avere qualche freccia al proprio arco.

Giochi al tavolo.
Tutti i divertimenti che si possono proporre "da seduti" e che non richiedano supporti di grandi dimensioni e possano quindi essere trasportati in vacanza: disegnare, colorare, costruire con la plastilina, scrivere e completare il libro delle vacanze, leggere insieme, creare origami, fare collage o scrivere il nostro diario di bordo insieme. Inoltre una grande risorsa che abbiamo scoperto quest'anno sono le carte: le classiche napoletane, piacentine o francesi per insegnare giochi di conto, logica e strategia; le carte dei classici memory o domino; o, ancora, le carte tematiche per imparare nuove parole in altre lingue o inventare storie.

Gestire le ore calde al mare con i bambini

Preparare la merenda.
Se abbiamo intenzione di fare merenda tutti insieme possiamo anche prepararla: un adulto sbuccia la frutta e i bimbi più grandicelli la fanno a pezzetti, mentre i piccolini la travasano nei vari contenitori per porzionarla o la utilizzano per creare degli spiedini; si possono comporre insieme coppette di yogurt con frutta a pezzetti o tramezzini col pomodoro. Noi in genere facciamo merenda presto, non più tardi delle 15:30, per riuscire a fare un altro tuffo in mare prima di sera.

Gestire le ore calde al mare con i bambini

Un cartone all'occorrenza.
Non guardiamo molta tv e non ne proponiamo mai ai nostri bambini, ma quest'estate abbiamo proposto qualche cartone animato in dvd, proprio per ingannare l'attesa dei lunghi pomeriggi assolati. Il dvd ha il vantaggio che a un certo punto finisce, al contrario della tv che ha una programmazione infinita. I nostri cult di quest'estate? Pipì, Pupù e Rosmarina di Alessandro D'Alò, l'intramontabile Pinocchio della Disney e una sorpresa scovata per caso: Kirikù di Michel Ocelot.

E voi come state passando questi pomeriggi di afa?

 

Photo Credits:
corsi photo
chrisk0
woodleywonderworks
seandreilinger

ARGOMENTI TRATTATI

Vacanze con bambini

COMMENTI (3)

[email protected]
Set. 6, 2012, ore 16:01

che fatica!!!!!!!!!!!!!!! io ancora riesco a riposare, lei è piccola....2 mesi...e nonostante le attenzioni di cui ha bisogno....mi resta qualche straccetto da dedicare a me stessa....ma quando sarà più grande beh.....a quel punto tutte le mie forze saranno concentrate su di lei!!!!!!!!!!!!!! e sarà tutto più bello.............giocare e farle scoprire il MONDO!!!!!!!!!!!!

Susyy1972
Ott. 25, 2012, ore 09:21

i bambini hanno bisognio di avere un programma se non fanno nulla si annoiano e poi sono isterici

Robertofix
Ott. 10, 2013, ore 21:22

bisogna sempre spingerli a fare qualcosa di diverso....

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.