Babbo Natale nel mondo

INFORMAZIONI UTILI

Santa Claus, Père Noël, Gwiazdor, Julemand...

Lo chiamano in modo diverso ma è sempre lui, quel vecchietto dall'aria gioviale che lascia doni dentro le calze o sotto il celebre abete decorato. E che arrivi con le renne, a cavallo o su una slitta tirata da canguri, i bambini del mondo lo attendono con la stessa eccitazione, quella gioia mista a stupore che si prova nella notte più magica di tutto l'anno.

Babbo Natale nel mondo

La settimana scorsa siamo andati a vedere i mercatini di Natale in Germania e mentre eravamo sotto lo straordinario municipio di Monaco, tra una bancarella di Lebkuchen e una casetta traboccante di deliziosi schiaccianoci con barba e capelli bianchi, è comparso un insolito Babbo Natale coperto da un cappello a punta e un bastone ricurvo nella mano.
Camminava lentamente facendosi largo tra la folla e con calma a e pazienza ha cominciato a distribuire caramelle e dolci ai bambini.

"Mamma ma perchè quel Babbo Natale è così strano?"

Ecco dunque un piccolo viaggio tra Turchia, Olanda, e Finlandia per scoprire come è fatto in questi paesi il Babbo più generoso del mondo...

Sinterklaas: dalla Turchia all'Olanda.

Dimentichiamoci per un momento quel simpatico vecchietto dall'aspetto bonario e rubicondo con la barba fluente e il cappellino rosso abbellito da un pon pon.

Sinterklaas, il Babbo Natale olandese, è in realtà molto più simile ad un vescovo che all'immagine tradizionale che abbiamo in mente.

Per comprendere meglio la sua figura dobbiamo fare però un passo indietro nella storia, e precisamente un viaggio intorno a III°, IV° secolo dopo Cristo in Turchia.
A quei tempi San Nicola era il vescovo della città di Myra e la storia narra che fosse un uomo buono e caritatevole sempre pronto ad aiutare chi si trovava in difficoltà.
Qualche anno fa durante un viaggio sulla costa turca siamo andati a visitare la piccola cittadina e fuori dalla basilica dedicata al Santo abbiamo scoperto la statua di un inconsueto Babbo Natale - San Nicola circondato dai bambini.

Babbo Natale in Turchia

Il nome del favoloso personaggio olandese, così come quello di Santa Claus quindi, viene proprio da qui, così come la mitra e l'abito vescovile.

Babbo Natale in Olanda

Arriva nelle case dei bambini olandesi volando su un cavallo bianco dopo essere sbarcato a fine Novembre con una barca proveniente dalla Spagna. Il suo aiutante, Pietro il nero, scende dal camino nelle case lasciando doni sotto l'albero ma anche nelle scarpe e negli zoccoli che i bambini lasciano piene di dolcetti e di carote per il cavallo.
I regali sono spesso accompagnati da una piccola poesia e una lettera di cioccolata con l'iniziale del nome del bambino.

Non pensate che questa sia una bellissima idea da far trovare insieme ai doni sotto l'albero?

I tredici Babbi Natale islandesi

Riuscite a immaginare cosa succederebbe se a portare i regali invece di uno fossero tanti Babbi Natale?

E' quello che avviene in islanda dove a portare i doni sono tredici folletti, gli Jólasveinarnir.

Ciascuno di loro ha un nome diverso legato al cibo che amano o all'attività che svolgono e ogni anno a partire dal 12 dicembre scendono dalle montagne per arrivare nelle case dei bambini e lasciar loro un regalo dentro alle scarpe.

A cominciare è Stekkjastaur seguito giorno dopo giorno dagli altri fino a Kertasnikir che porta l'ultimo regalo il 24 Dicembre. Attenzione però perchè pare che questi buffi folletti amino molto fare degli scherzi e qualche volta ai piccini più birboni non esitano a riempire le scarpe di... patate!

E voi, conoscete altri Babbi Natale nel mondo?

 

Photo Credits: 
mammagiramondo.blogspot.com
Hans Pama

ARGOMENTI TRATTATI

Vacanze con bambini

Vedi anche

COMMENTI (0)

Non ci sono commenti per questo articolo

COMMENTA


(Richiesto)


(Richiesto, non verrà mostrato ai visitatori)


(Opzionale, aggiungere sempre "http://")

Vuoi salvare le informazioni per la prossima volta?

Ricorda: Se non sei registrato i tuoi commenti saranno soggetti a moderazione.